La nostra produzione e le spedizioni sono totalmente operative. Salvatori è prima di tutto un’azienda di persone ed abbiamo messo in atto tutte le misure necessarie per tutelare la salute dei nostri collaboratori.

News

Faccia a faccia con Federico Babina

05.2019

Federico Babina sa bene il significato del design. Formatosi come architetto e grafico, dal 1994 inventa mondi geniali e innovativi disegnati a mano ed ispirati prevalentemente all’architettura e al design. Siamo entrati in contatto con lui grazie al supporto dell’agenzia Graph.x dello studio Lissoni che ha curato il progetto grafico in occasione della settimana del design di quest’anno. L’artista, di origini italiane ma residente a Barcellona, si è rivelato la perfetta scelta per interpretare visivamente il progetto “Hidden Rooms” sviluppato grazie al set design dello studio Ossino.

Babina ha creato lo storytelling visivo che ha anticipato e accompagnato l’esibizione, traducendo graficamente la bellezza della pietra naturale e l’arte ottica dell’installazione di Elisa Ossino in una serie di illustrazioni riccamente stratificate attraverso le proposte di design di Piero Lissoni che ha introdotto la nuova collezione Lost Stone il cui primo elemento è il tavolo René, John Pawson con la nuova collezione Ellipse e della stessa Elisa con la collezione Balnea.

Abbiamo intervistato Babina per saperne di più sul suo design senza regole, e sull’ispirazione che lo ha guidato per sviluppare le illustrazioni partendo dalla naturale bellezza del materiale.

"Sono affascinato dall'idea di poter fondere il mondo dell'architettura e dell'illustrazione"

Puoi parlarci un po’ di te?

Sono un architetto e un grafico italiano che vive e lavora a Barcellona, ma prima di tutto sono una persona curiosa, da sempre. Essendo sia architetto che grafico lavoro in entrambe le “aree”. Mi piace soprattutto quando le due discipline si incontrano e si intersecano. Ad esempio, un architetto deve spiegare i suoi progetti attraverso l’illustrazione e il disegno. Il design è il primo modo per dare forma e corpo a un progetto. In questo senso, ogni architetto dovrebbe essere un grafico. Sono affascinato dall’idea di poter fondere il mondo dell’architettura e dell’illustrazione.
Trasformare l’architettura in un’illustrazione e le illustrazioni in un’architettura.

Come descriveresti il tuo stile?

In generale, non voglio avere uno stile. Avere uno stile definito significa che devi seguire regole e regolamenti, mentre preferisco provare ad avere un linguaggio libero e senza tutti quei limiti che ne minano l’espressività. Voglio provare a spiegare il mondo che vedo attraverso diverse tecniche espressive e sono sempre alla ricerca di nuove forme linguistiche per descrivere il mondo che ci circonda. Mi piace la ricchezza della lingua e la diversità delle sue forme. Non voglio limitarmi in una prigione di stile o forma. L’unica regola che cerco di seguire è di non avere regole, sviluppare un pensiero e poi girarlo e guardarlo nel modo opposto. Vedo le mie illustrazioni come un modo diverso per descrivere la ricchezza dell’espressione architettonica e, in particolare, i contatti con altre discipline. Cercare e trovare l’architettura in posti diversi. Il primo passo e la cosa più importante è scegliere ciò che voglio raccontare attraverso il mio lavoro. Una volta trovato l’elemento generatore, il passo successivo è un lavoro di ricerca per trovare il modo migliore per descrivere e spiegare il concetto. Trasformare l’idea in un’illustrazione. Trovo estremamente interessante combinare diversi campi in un’unica immagine e trovare un linguaggio comune in diverse discipline.
Ci sono connessioni e collegamenti infiniti tra le diverse forme dell’arte. Il mio esercizio sta cercando di scoprirne alcuni. Inoltre, cerco di mantenere il mio linguaggio espressivo il più semplice possibile. Semplificare è la cosa più difficile. Per semplificare devi rimuovere le cose in eccesso e, per farlo, devi sapere cosa rimuovere.

Come è nata la collaborazione con Salvatori?

L’idea era quella di creare un ritratto dell’oggetto e del suo creatore in una singola immagine. Cercare di sintetizzare forma e linguaggio attraverso un’illustrazione unica.

Dove hai trovato l’ispirazione per le illustrazioni?

Non credo nell’ispirazione. Le idee sono lì che aspettano noi, il problema è che spesso non siamo in grado di vederle. Cerco di osservare le cose da un altro punto di vista. Guardare il mondo sottosopra può offrire molte idee creative e risvegliarle da una sorta di “sonno della visione”.

Puoi spiegare un po’ di ciascuna delle illustrazioni? Quali sono i diversi elementi all’interno di ciascuna immagine?

L’idea alla base del concetto è trovare una forma di rappresentazione bilanciata tra l’astratto e il figurativo. Illustrazioni capaci di rappresentare gli oggetti e l’universo del design attraverso un esercizio per non inibire i sensi con l’uso di geometrie e colori. Una serie di forme geometriche ad incastro, materiali e colori attorno a una matrice centrale: il design di Salvatori. Un insieme di forme che rappresentano l’alfabeto formale di diversi architetti. Una serie di stanze “metafisiche” che vengono trasformate in dipinti in cui è possibile leggere riferimenti al design degli oggetti o semplicemente lasciare che la mente si perda tra le linee e i colori per letture più fantasiose. Attraverso queste composizioni, propongo una connessione ideale tra il design, come forma di rappresentazione, e la rappresentazione utilizzata nel suo design. Il rigore disordinato o una fantasia realistica sono ossimori presenti in queste composizioni.

Cosa ti hanno ispirato la pietra naturale e i prodotti di Salvatori?

I materiali di Salvatori sono il centro di questa produzione, sono l’elemento generatore di forme e usi. Le pietre naturali sono la materia prima su cui scolpire le forme. Non disegnano una forma e poi scelgono un materiale, ma scolpiscono il materiale per estrarne una forma.

Come hai interpretato “Hidden Rooms” in un’illustrazione?

Volevo creare uno spazio sospeso tra il metafisico e il realistico, capace di ospitare l’universo estetico di Elisa e passare il suo immaginario delicato e poetico fatto di geometrie solide senza peso attraverso il mio filtro.