La nostra produzione e le spedizioni sono totalmente operative. Salvatori è prima di tutto un’azienda di persone ed abbiamo messo in atto tutte le misure necessarie per tutelare la salute dei nostri collaboratori.

News

Il BIM come opportunità di crescita

06.2019

Banner_why-bim-is-a-sound-of-investement Banner_why-bim-is-a-sound-of-investement

I vantaggi del BIM per committenti, progettisti, costruttori

Sicuramente chi di noi ha sentito parlare di BIM si sarà imbattuto in frasi del tipo: “Con il BIM si riducono i costi di realizzazione di un’opera”, “Il BIM permette un risparmio sui tempi, migliorando l’efficienza in fase di progettazione ed esecuzione”, o ancora “Utilizzando il BIM si risolvono le interferenze in fase di progetto rendendo più fluido il lavoro in cantiere”.

Frasi come queste, isolate e senza un approfondimento adeguato, rischiano di apparire come semplici slogan. Cerchiamo quindi di capire meglio il motivo per cui l’adozione della metodologia BIM può comportare effettivi vantaggi per tutte le figure interessate nel processo edilizio: committenti, progettisti, produttori, costruttori, manutentori. Tali vantaggi possono essere individuati per ogni singola fase, partendo dalla concezione di un manufatto (concept-design), passando per sua progettazione, fino ad arrivare alla sua realizzazione e successiva manutenzione.

"Con il BIM si riducono i costi di realizzazione di un’opera"

Griglia-1_why-bim-is-a-sound-of-investement Griglia-1_why-bim-is-a-sound-of-investement

Vantaggi in fase di progettazione preliminare (concept design)

Ridurre il rischio finanziario dei committenti associato ad un progetto.

Utilizzando modelli BIM si è in grado di fornire una stima preventiva dei costi più accurata, in modo da andare ad individuare, prima dell’inizio della progettazione e realizzazione dell’opera, se la proposta è finanziariamente fattibile
o meno.

Incrementare le prestazioni dell’edificio.

In fase di “concept design” il BIM permette di indirizzare in modo migliore le scelte progettuali attraverso studi e verifiche preliminari di tipo geometrico, energetico, strutturale ecc. su modelli di massima semplificati.

Vantaggi in fase di progettazione

Agevolare il lavoro di collaborazione tra i diversi progettisti.

I progettisti (architettonici, strutturali, impiantisti ecc.) coinvolti nel processo possono gestire al meglio le modifiche apportate da ciascuno di loro riducendo errori e interferenze tra i vari sistemi attraverso l’utilizzo di modelli condivisi.

Garantire un corretto scambio delle informazioni tra i diversi progettisti.

Non essendo semplici rappresentazioni geometriche tridimensionali ma un vero e proprio database contenente informazioni di vario genere (geometrico, prestazionale, economico, ecc.), i modelli, permettono uno scambio di informazioni efficiente e sicuro tra le varie figure interessate.

Ottimizzare l’estrazione di informazioni grafiche e computazionali dai modelli.

Essendo i modelli BIM dei modelli parametrici, è automatico estrarre da questi una serie di informazioni, come viste 2D o 3D, piante, prospetti e sezioni, ma anche abachi, quantità e computi.

Ogni elemento all’interno del modello è interconnesso: per questo motivo ogni modifica di un oggetto all’interno di una vista, un prospetto, un abaco, non è da considerarsi isolata ma attuata sul modello intero e verrà riportata automaticamente su ogni vista, prospetto o abaco che verranno realizzati o che sono già presenti.

Griglia-2_why-bim-is-a-sound-of-investement-(2) Griglia-2_why-bim-is-a-sound-of-investement-(2)

Vantaggi in fase di costruzione

Risoluzione a priori delle interferenze.

Uno dei grossi vantaggi del BIM è quello di poter verificare e risolvere in fase progettuale le interferenze che possono presentarsi tra i vari sistemi (strutturale, impiantistico, architettonico). La risoluzione delle interferenze in fase progettuale (anziché in cantiere) comporta enormi vantaggi che si ripercuotono nella riduzione delle tempistiche di realizzazione dell’opera, con una conseguente riduzione dei costi.

Gestione del cantiere.

Realizzando un modello a priori che simuli lo sviluppo del cantiere in ogni sua fase, dall’allestimento allo smantellamento, si migliora il flusso di lavoro nel cantiere “reale” così da ridurre la possibilità di errori grossolani.

Facilità di recepire eventuali modifiche realizzate in fase di costruzione.

Il modello creato in fase progettuale può essere facilmente aggiornato con eventuali modifiche realizzate in fase costruttiva, in modo che il modello finale rispecchi fedelmente quello che è il costruito (as built).

Vantaggi in fase di gestione del costruito (facility managment)

Facilitare la gestione e manutenzione di un’opera.

In un modello BIM in cui sono stati inseriti degli attributi relativi alla durabilità dei materiali, è possibile, attraverso l’uso di software per il facility managment, tenere sotto controllo le condizioni dei materiali gestendone la manutenzione.

A questi punti è facile comprendere come si possa considerare il BIM come un possibile investimento. D’altronde il passaggio dal “metodo tradizionale” all’adozione del BIM non è più considerata come un’aspettativa futura nell’ambito della progettazione architettonica, ma è sempre più una pratica attuale capace di migliorare la qualità del proprio lavoro e la competitività all’interno del mercato.